Eiaculazione precoce





Definizione

L’eiaculazione precoce può essere definita come una difficoltà o incapacità nell’esercitare un controllo volontario sull’eiaculazione. Eiaculazione persistente o ricorrente a seguito di stimolazione sessuale minima prima, nell’atto o immediatamente dopo la penetrazione, e comunque prima che la persona lo desideri, causando notevole disagio ed insoddisfazione. Mediamente chi soffre di questo disturbo raggiunge l’eiaculazione dopo 1-2 minuti di penetrazione. È un problema molto diffuso che riguarda il 25-40% della popolazione maschile. Secondo Masters & Johnson un uomo soffre di eiaculazione precoce quando eiacula prima che il partner raggiunga l’orgasmo in più della metà dei rapporti sessuali. A questa definizione si sono aggiunte altre interpretazioni del fenomeno che correlano la precocità dell’eiaculazione alla durata del rapporto sessuale, alla percezione di controllo sull’eiaculazione, distinguendo la diagnosi del fenomeno dalla soddisfazione della partner e della sua possibilità di raggiungere l’orgasmo. Il momento eiaculatorio è proprio dell’atto sessuale e risente da fattori situazionali, relazionali e psichici.

Cause

Le cause possono essere diverse e di natura sia fisica che psicologica. Le cause di natura fisica riguardano problemi di ipersensibilità del pene, cause urologiche (da stimoli patologici legati a lesioni irritative o infiammatorie dell’uretra prostatica), prostatite, vescicolite. Spesso però possono essere di natura più complessa e multifattoriale, di tipo psicologico o sessuologico, riguardanti il singolo soggetto o la coppia nel suo insieme. Fra le cause può esserci un’esperienza sessuale precoce, che causa ansia e condizionamento sessuale. L’ansia attiva il sistema nervoso simpatico e abbassa la soglia eiaculatoria. Può anche sussistere una problematica psicodinamica legata ad un narcisismo infantile irrisolto o ad una esagerata importanza conferita al pene oppure ansia da prestazione di fronte ad un nuovo partner.

Trattamento

Fino a qualche tempo fa il discorso dell’eiaculazione precoce trovava la sua risposta in un ciclo di psicoanalisi. Oggi insieme a nuove terapie sessuali possono essere utilizzati determinati farmaci, tipo antidepressivi triciclici e fenotiazine che riducono il controllo del sistema nervoso autonomo agendo sul controllo del sistema nervoso simpatico e quindi rallentando il primo stadio dell’evento eiaculatorio. Esistono altri farmaci come gli alfalitici che portano ad eiaculazioni con ridotto liquido seminale. E’ già in commercio una nuova molecola: la Dapoxetina. E' questa una sostanza che agisce sempre a livello del sistema nervoso centrale alzando i livelli di serotonina, un importante "freno naturale" dell'eiaculazione. L’aiuto dei farmaci permette di raggiungere una certa sicurezza nei confronti di quei pazienti affetti da questo disturbo. Nella società odierna questo disturbo è molto frequente, in quanto, il non controllo sull’eiaculazione, è strettamente legato a fattori di ansia e stress.
La donna, all’inizio, ha un atteggiamento di comprensione nei confronti del problema e crea una sorta di sicurezza nel partner precoce tale da permettergli di acquisire maggiore familiarità e risolvere in modo spontaneo il problema con maggiore sicurezza. Se il problema sussiste e la donna viene lasciata sempre in situazione di frustrazione, l’incoraggiamento iniziale diventa aggressività e nell’uomo causa un maggior disturbo e aumento d’ansia. Esistono comunque tante terapie sessuali, dipende da fattori di varia natura e dal terapeuta. Esistono terapie individuali, terapia di coppia e terapie familiari. I farmaci comunque aiutano, sebbene l’apporto psicologico è anche più importante.

I contenuti precedenti sono a carattere puramente informativo, non costituiscono e non sostituiscono un consulto medico. Per prendere un appuntamento e approfondire tali temi potete contattarmi al 3339433861 o inviarmi un’email compilando il form contatti.



Prenota una visita velocemente e controlla sul calendario le disponibilità


Luigi Montano - docplanner.it